Alberto Tadiello

‘Erasable Programmable Read Only Memory’
May 9 - June 26 2008

It / En

T293 è lieta di annunciare la prima mostra personale di Alberto Tadiello (Montecchio Maggiore, 1983). L’artista veneto presenta un progetto installativo che esplora il funzionamento autonomo di oggetti e meccanismi sottoposti ad una concettulizzazione estrema della loro funzione. EPROM (Erasable Programmable Read-Only Memory) è una memoria di sola lettura che può essere cancellata e riprogrammata un consistente ma limitato numero di volte. L’installazione di Alberto Tadiello segue la forma e la logica di funzionamento di queste schede. Sulle pareti sono posizionati quaranta carillon attivati da motorini elettrici e alimentati ognuno da un trasformatore. Nel raggiungere una velocità di rotazione che normalmente non sono in grado di supportare, i piccoli cilindri sono destinati ad un inevitabile logorio. La timbrica ed il ritmo del suono si ribaltano e da fiabeschi si tramutano in uno spiacevole eccesso. Una  volta consumate le testine, il suono si fa lentamente meno udibile fino a diventare indistinguibile. Il movimento rapidissimo è associato ad una sorta di evento catartico, che libera le piccole interfacce musicali da ogni forma di sentimento nostalgico.

T293 is pleased to announce a solo exhibition by Alberto Tadiello (Montecchio Maggiore, 1983). Alberto Tadiello’s works explore the possible forms of autonomous function associated with different objects and mechanisms as they undergo a parossistic conceptualization of their own functional logic. This logic is altered and tampered in order to start reflecting upon those deeper and psychological aspects which connect people to things and technologies. An EPROM (Erasable Programmable Read-Only Memory) is a type of computer memory chip that can be erased and re-programmed variously, but for a limited  amount of  times. Following the form and function of the EPROM, Tadiello’s installation is based on a number of traditional music boxes directly fixed on the wall, activated by electric motors and  each one connected to a transformer. Moved quickly by the mechanisms, the small cylinders reach a high-speed rotation, which they usually can’t stand up to, unavoidably wearing them out. As a result the fairy-like sound and the rhythm overturn  and change into  an unpleasant excess. Once the pawls wear out the noise slowly becomes less noticeable and even indistinguishable. The high-speed movement is associated with a sort of cathartic event, which relieves the music box interface from bearing nostalgic feelings.