t twoninethree

·
Luciana Brito Galeria in-residence at t twoninethree
8 June - 26 July 2017
T293 Rome
T293 - Luciana Brito Galeria in-residence at t twoninethree - 1
T293 - Luciana Brito Galeria in-residence at t twoninethree - 1
T293 - Luciana Brito Galeria in-residence at t twoninethree - 1
T293 - Luciana Brito Galeria in-residence at t twoninethree - 1
T293 - Luciana Brito Galeria in-residence at t twoninethree - 1
T293 - Luciana Brito Galeria in-residence at t twoninethree - 1

Héctor Zamora, Pablo Lobato, Rafael Carneiro
8 giugno – 26 luglio 2017
Inaugurazione 7 giugno, ore 18.00
Via Ripense 6, Roma
info@lucianabritogaleria.com.br

t twoninethree è lieta di annunciare la mostra ‘Luciana Brito Galeria in-residence at t twoninethree’. La collettiva è il risultato della collaborazione con la galleria brasiliana, che utilizza gli spazi di T293 per esporre recenti opere di Héctor Zamora, Pablo Lobato e Rafael Carneiro.

Héctor Zamora presenta l’installazione Sra. do Cabo – Ordem e Progresso del 2017, che consiste nel relitto di una tipica barca da pesca portoghese, e due fotografie che sono frutto del naturale sviluppo della performance omonima realizzata dall’artista nel marzo di quest’anno presso il museo MAAT di Lisbona. Le opere esposte richiamano a quella tradizione marittima fortemente radicata nella cultura portoghese e si rafforzano e drammatizzano in riferimento al significato socio-politico che le imbarcazioni hanno acquisito nell’immaginario collettivo attuale a causa della difficile situazione migratoria internazionale.

Pablo Lobato porta in mostra la serie di 14 fotografie intitolata Rest del 2015, che immortalano soldati Israeliani in posizione di riposo, e la video-installazione Castell, 2012, concepita in occasione della tradizionale festa catalana durante la quale vengono innalzate delle torri umane (da qui il titolo dell’opera). Mentre in Rest Lobato sollecita uno sguardo nuovo attraverso un taglio innovativo dell’immagine, in Castell l’artista esplora ancora una volta l’idea del taglio come soluzione poetica, creando una cornice inusuale che disorienta e provoca lo spettatore.

Rafael Carneiro partecipa alla collettiva con due dipinti, entrambi intitolati Untitled e realizzati durante una residenza artistica a Parigi nel 2010. In queste opere l’artista raffigura spazi che appaiono neutrali non solo per la natura isolata degli ambienti dipinti ma anche per l’apparente effetto di scolorimento. Si tratta di immagini sfocate, catturate da telecamere di sicurezza presso alcune basi della NASA. Il lavoro di Rafael Carneiro si articola proprio intorno a questo contrasto tra la qualità della scena registrata dagli impianti di sicurezza e la qualità pittorica che ci si aspetterebbe da un’immagine in uno schermo.

La collaborazione tra le due gallerie proseguirà in agosto a San Paolo presso Luciana Brito Galeria, dove verrà organizzata una mostra collettiva di artisti rappresentati da t twoninethree.