T293

·
March 14 - June 4 2013
T293 Rome

Pebble Dash (intonaco di ghiaia) riunisce due nuovi lavori, Ulterior Vistas e Capitol Complex.

In occasione della mostra, Capitol Complex si presenta diviso in due installazioni separate, con Prelude: Capitol Complex incentrato sulla descrizione attraverso immagini dell’incarico architettonico più importante di Le Corbusier: la sua idea di città futura, Chandigarh, la costruzione e l’incompletezza delle sedi del suo governo.

La mostra è introdotta da Prelude: Capitol Complex in cui frammenti di parole e suoni estratti da una registrazione dal vivo accompagnano una sequenza di diapositive proiettate in un Telex.

Prelude: Ulterior Vistas è un’installazione costituita da una mensola a parete su cui viene presentata una serie fotografica ispirata all’architetto inglese di paesaggi Humphrey Repton (1752-1818), autore dei famosi Red Books, che erano proposte su misura per il miglioramento del paesaggio e dell’architettura di proprietà e beni dei potenziali clienti. Le illustrazioni del prima-e-dopo erano un elemento chiave nei Red Books di Repton tanto quanto le sue presentazioni verbali.

Ulterior Vistas è l’opera sonora centrale nella mostra. Accompagnato da una partitura musicale, un intraprendente e ambizioso agente immobiliare propone un giardino inglese del XVIII secolo ad un cliente non ben identificato, probabilmente un capitalista dell’ultima oraL’agente insiste sulla prospettiva generale che caratterizza l’appropriazione di un patrimonio culturale che permetta al suo cliente di potenziare la sua immagine pubblica. Oltre ad offrire una vasta gamma di soluzioni di design per il paesaggio, egli propone anche qualità più astratte come la spiritualità e gesti simbolici di generosità.

Con un’installazione ampliata e costituita da due schermi, Ulterior Vistas costituisce un elemento visivo che agisce in tandem con il narrato, fissando l’esperienza combinata di sguardo e ascolto ed offre ulteriori punti di vista, eliminando in questo modo la pesante parlantina dell’agente immobilare e la sua stessa figura. Oltre a muovere una critica alla trasmissione di un capitale culturale da un’era a quella successiva, Ulterior Vistas rivela gli aspetti problematici del consumismo sfacciato e frenetico che l’agente immobiliare cerca di assimilare e diffondere.

Conclude la mostra all’interno di un’installazione racchiusa, il racconto legato a Capitol Complex. Una componente fondamentale della  mise-en-scène del lavoro Capitol Complex è la presenza di un manoscritto redatto dall’artista. Composto da quattro atti e incentrato su quattro personaggi, il manoscritto serve come linea guida della storia. Attraverso una performance e una presentazione ogni volta nuove, la storia viene ri-narrata e  ri-tracciata rimanendo in questo modo in uno stato di improvvisazione ad ogni nuova rappresentazione. Il lavoro viene presentato attraverso un tavolo su cui una selezione di pagine tratte dal testo sono combinate ad una serie di stampe fotografiche sovrapposte.  Questa installazione è un’astrazione di tutti e quattro gli atti, mentre il lavoro sonoro udibile attraverso le cuffie comprende varie storie narrate in prima persona in cui il discorso è intervallato da brani musicali.

 

 

T293 - Tris Vonna-Michell – ‘Pebble Dash’ - 1
T293 - Tris Vonna-Michell – ‘Pebble Dash’ - 1
T293 - Tris Vonna-Michell – ‘Pebble Dash’ - 1
T293 - Tris Vonna-Michell – ‘Pebble Dash’ - 1
T293 - Tris Vonna-Michell – ‘Pebble Dash’ - 1
T293 - Tris Vonna-Michell – ‘Pebble Dash’ - 1
T293 - Tris Vonna-Michell – ‘Pebble Dash’ - 1
T293 - Tris Vonna-Michell – ‘Pebble Dash’ - 1
T293 - Tris Vonna-Michell – ‘Pebble Dash’ - 1
T293 - Tris Vonna-Michell – ‘Pebble Dash’ - 1
T293 - Tris Vonna-Michell – ‘Pebble Dash’ - 1
T293 - Tris Vonna-Michell – ‘Pebble Dash’ - 1