t twoninethree

·
Also on View: Austin Martin White
01 July - 06 August, 2021
T293 Rome
T293 - Also on View: Austin Martin White - 1
T293 - Also on View: Austin Martin White - 1
T293 - Also on View: Austin Martin White - 1
T293 - Also on View: Austin Martin White - 1
T293 - Also on View: Austin Martin White - 1
T293 - Also on View: Austin Martin White - 1

T293 è lieta di presentare, per la prima volta in Italia, il lavoro di Austin Martin White (1984). Nella mostra, parte del progetto “Also on View”, sarà esposta l’ultima serie di dipinti ad acquerello e pennarello dell’artista statunitense.

La pratica di Austin Martin White affronta questioni di razza, identità e post-colonialismo, ponendo al centro la Teoria Critica della Razza come critica alla Storia dell’Arte Occidentale. Interessato principalmente ai documenti e alle testimonianze visive che hanno contribuito alla creazione del concetto di “immagine etnografica”, l’artista intraprende un’articolata ricerca di incisioni e disegni presso archivi storici e antropologici. Questi vengono rielaborati attraverso un procedimento artistico volto a comprenderne la costruzione intellettuale e ideologica di razza, creando forme confluenti che espongono la natura multivalente della memoria e della rappresentazione.

La nuova produzione di Martin White, più tenue e meno violenta di quella passata, tratta la suddetta tematica traendo ispirazione da una serie di fotografie di feste a New Orleans (Louisiana, USA) scattate da fotografi amatoriali di colore dalla metà degli anni ‘80 all’inizio degli anni 2000. L’artista indirizza la propria attenzione sulle espressioni di libertà presenti nei soggetti di queste fotografie, essenzialmente donne di colore, sottolineando come le strutture etnografiche di mercificazione e di colonialismo siano riuscite a penetrare anche all’interno di documentazioni apparentemente innocenti e private.

Nella nuova serie di lavori in mostra, questo processo di alleggerimento contenutistico viene supportato anche sul piano tecnico realizzativo. Al posto di materiali come il vinile e la gomma dalle tonalità molto scure, applicate sul supporto per mezzo di specifiche stampanti, l’artista opta per acquerelli e per una tavolozza di colori dalle vivide e quasi fosforescenti tonalità di blu, rosa e verde.

La mostra si divide in due diverse allestimenti. A metà esposizioni i tre lavori “crissiecrystall”, “mercuryretrogradepanicattack” e “livingwellisthebestrevenge” saranno sostituiti da “thatnewcarfeeling”, “BigHead”, “seatedvapingwoman” e “MushroomCut”.